Recensioni de Cartoline da Trapani
(Edizioni Eva, 2013)

www.libreriapangea.com, novembre 2013

Domenica 17 novembre 2013 alle 17.30 alla libreria Pangea Renzo Cremona presenta il libro "Cartoline da Trapani" (Edizioni Eva)

a cura di Libreria Pangea

Come tutta l'opera più recente di Renzo Cremona, anche queste Cartoline da Trapani arrivano al lettore in una forma di confine che sfugge alle classificazioni a noi note per avvicinarsi al tessuto di un'elegante e raffinata prosa poetica contraddistinta da un'incantata sospensione metafisica.
I luoghi visitati, frequentati e vissuti dallo scrittore, il quale negli ultimi anni ha avuto modo di conoscere Trapani grazia ad una serie di partecipazioni di primo piano all'interno del panorama culturale della città, appaiono qui trasfigurati dalla luce della parole, che li fa vibrare della nostalgia sottile e antica dell'oltre che tutte le geografie portano con sé.
Suite in ventidue tempi cadenzata dalle diverse scansioni del dove e del quando, Cartoline da Trapani trasforma il paesaggio della quotidianità nei luoghi ideali dove ritrovare quanto la distrazione ci ha fatto perdere e dove riprendere i fili di remoti pomeriggi affondati nella memoria, rendendo così l'esperienza della lettura attimo di visione e crocevia perenne di suggestioni inattese.
Renzo Cremona (1971) vive all'interno della lingua. Ha studiato lingua e letteratura cinese, neogreca, portoghese e georgiana presso l'Università di Venezia e lavora come consulente linguistico e insegnante. Traduttore di testi letterari dal cinese classico e moderno, dal neogreco, dal portoghese e dall'afrikaans, è autore di haiku innovativi e sperimentali in lingua italiana e latina che hanno riscosso un buon successo di critica.
Renzo Cremona ha al suo attivo riconoscimenti nazionali e internazionali da Napoli a Milano, da Rovigo ad Alessandria, da Agrigento a Caserta, da Firenze a Torino, ed è da anni impegnato in letture pubbliche ed incontri con l'autore in Italia e all'estero (tra cui va segnalata la sua partecipazione ai Dis Da Litteratura in Svizzera nell'autunno del 2008 e a reading bilingui in Finlandia e Svezia) destinate a togliere le parole dagli scaffali per portarle in mezzo alla gente.

La Nuova Tribuna Letteraria, no. 115 Anno XXIV (3° Trimestre 2014), pag. 49
Renzo Cremona: Cartoline da Trapani
Edizioni Eva, Venafro (Is), 2013

di Stefano Valentini

Tra i nostri autori contemporanei meno catalogabili, Renzo Cremona negli ultimi anni - dopo il corposo e quasi monumentale Tutti senza nome - ha pubblicato una serie di piccoli libri, molti dei quali con le Edizioni Eva, a metà tra narrazione e prosa lirica. Certamente Cremona è poeta, e dei poeti ha la sensibilità e la tempra, ma altrettanto certamente è narratore, avendo dei narratori lo sguardo e il (sia pur compresso) respiro. Queste Cartoline da Trapani sono, appunto, ciò che il titolo dice, ovvero testi concisi e brevi, fitti d'immagini e intuizioni scaturite dalla presenza temporanea in un luogo. La descrizione della città, frammentaria e tuttavia in certo qual modo minuziosa, coincide con la sua scoperta, quasi a trarla dal "sonno cartografico". Ecco, a mo' di esempi, alcuni lacerti dalle prime pagine, nelle quali si legge anche l'invito ai lettori a farsi loro stessi "timone" di questa navigazione terracquea: la città "oscilla protendendosi come due scintillanti corna di lumaca assetate di mondo e di oltre", mentre "si apre sull'acqua come una mano spalancata sui frangiflutti del tempo"; cielo e mare sono "la stessa cosa quando i colori non sanno esattamente come pronunciarsi e rendersi distinti". Ancora: "sono geometrie di esaltante fragilità quelle che regolano le nostre vite, pigmenti su stoffe di viaggi che si dissolvono al sole (...) un fiume disseccato e scomparso da ogni mappa, dimentico ormai di cosa abbia significato essere stato un tempo acqua". Il libro procede così, tra suggestioni borgesiane, echi surrealisti e guizzi personalissimi, consentendo al recensore una potenzialmente vastissima rete di citazioni; ma, appunto Borges docet, la mappa non può coincidere con il territorio e gli estratti, pertanto, non possono ricalcare e prosciugare l'opera. Che a questo punto si rivela piccola soltanto in apparenza, negando in qualche modo i propri confini (come il mare e il cielo di cui si è detto prima) e suggerendo, pur nella precisione di alcuni riferimenti toponomastici, l'opportunità d'infinite permutazioni. Trapani insomma non è un pretesto, è un luogo fisico ben identificato, ma i suoi anfratti sono sfaccettature pronte a dilatarsi su spazi e luoghi ulteriori, suggerendo quanto poco importi appartenere per nascita ad un angolo di mondo oppure ad un altro: il destino definisce ma poi rimescola, intreccia, confonde. Di questo e d'altro (anche, in diverse pagine, d'amore) ci dice questo libro di Renzo Cremona, destinato a crescere sotto i nostri occhi, via via svelando l'impossibilità di dire nulla più che una minima parte di quanto rimane nascosto. In fondo ad un camminamento può esservi "il sussulto conclusivo del tempo", mentre si è costretti "a rimanere seduti sopra la nostra fretta" e la meta è "ogni volta un centimetro più vicina alla lontananza da noi". Ragion per cui "compariva così, dalle fenditure, la vera geografia che la vita aveva deciso per noi", necessaria per computare "il numero infinito delle regioni in cui i nostri pensieri avevano risieduto senza sapere nulla gli uni degli altri". Nella penultima cartolina la città inizia a prendere vita, ad animarsi e gemere: nell'ultimo brano, intitolato "i misteri", lo scenario si fa apocalittico, terrifico, muta in bolgia e frastuono prima di farsi sepolcro, in una danza (macabra?) di figure misteriose e inquietanti. La trasfigurazione è compiuta, il libro-mappa si è espanso a città e, collassando, è tornato libro.

Libreria del Corso (Facebook, https://www.facebook.com/libreria.delcorso.96)

Libro del giorno: CARTOLINE DA TRAPANI, Renzo Cremona (25.07.2014)

di Stefania La Via

Un'opera suggestiva e affascinante. Un omaggio che uno dei migliori poeti italiani contemporanei ha voluto fare alla nostra città, ai suoi luoghi, simbolo della sua antica storia, alla sua misteriosa luce, come solo un poeta sa fare. Cartoline da Trapani di Renzo Cremona è un susseguirsi di prose liriche straordinariamente intense ed evocative, in cui la potenza della parola regna sovrana. In uno stile misurato, limpido e lineare, in cui la parola si fa protagonista assoluta.
È una parola potente, densa, essenziale che affascina e cattura, in grado di destare un'inquietudine misteriosa, di trasfigurare i luoghi di cui narra, di trasformarli, traendone fuori la forza immaginifica e metaforica, i misteriosi echi interiori che sembrano come svelarli, per la prima volta, ai nostri occhi.


Warning: include(/home/mhd/www.renzocremona.it/htdocs/stats/php-stats.redir.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.renzocremona.it/home/web/include/piede.php on line 4

Warning: include(/home/mhd/www.renzocremona.it/htdocs/stats/php-stats.redir.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.renzocremona.it/home/web/include/piede.php on line 4

Warning: include(): Failed opening '/home/mhd/www.renzocremona.it/htdocs/stats/php-stats.redir.php' for inclusion (include_path='.:/php7.1/lib/php/') in /web/htdocs/www.renzocremona.it/home/web/include/piede.php on line 4

I testi e le immagini, se non indicato diversamente, sono di esclusiva proprietà di Renzo Cremona. – © 1993-2022 renzocremona