Fossa Clodia (2011-15)

squèri. crìpolo e remendadure. còssa che sia sta sonolènsa? m'à ciapao le destirariòle. ressóne tuta sta luse remeschissa. 'na spièra de sóle che ondése onisèmpre. el cornisame da drio de le lastre. tuto xé strainà. per lòngo, per trèsso, no i xé bòni de stare. i bisìgole da 'na parte e anca da st'altra. i dì andarave tólti a frua.

Pubblicazione: settembre 2015
Editore: LCE Edizioni (Castelfranco Veneto, TV)
Collana: Scritture
Codice ISBN: 978-88-98613-54-0
Note: il libro, interamente scritto in italiano e chioggiotto, è articolato in quaranta quadri seguiti da un epilogo e un dialogo filosofico in dialetto in forma di testo teatrale.

stravedamènti minori. i quarti. (la metamorfosi)

tuto s'un momènto, méntre che dopopranso a se gèra apéna colegao e a provèva a resegare le manfrine de ancuo, de gèri e de gèri l'altro, g'à parso còme che ghe se verzésse un luminale indrénto ai cópi del servèlo e ghe vegnisse da fuòra odóre da pan.
un bel bossolao a xé deventao, che co i l'à visto sóra de le covèrte qualcun a se l'à mésso de scondon in tela scarsèla e a se l'à magnao.
ghe xé móndo de manière de lassare le strasse, l'à da avére pensao, e ghe ne xé ancóra de pì de fenire fruai. mègio morsegai che mufai, l'à apéna fato in tèmpo a dirse prima che de élo no restésse altro che tòchi, frégole, odóre da pan pèrso per le calesèle e becao dai colómbi: un órlo de tèmpo andao a reméngo.

(versione italiana)

all'improvviso, mentre dopopranzo si era appena coricato e provava a raddrizzare la confusione di oggi, di ieri e dell'altro ieri, gli sembrò come se gli si aprisse un lucernario dentro le tegole del cervello e che da lì uscisse profumo di pane.
un bel bossolà è diventato: hanno fatto appena in tempo a vederlo sopra le coperte che subito se lo sono messi in tasca per mangiarselo di nascosto.
ci sono un sacco di modi per lasciarci le penne - deve aver pensato - e ce ne sono ancora di più per finire consumati. meglio morsicati che ammuffiti, ha appena fatto in tempo a dirsi prima che di lui non restassero altro che pezzi, briciole, odore di pane perso per le callette e beccato dai piccioni: un margine di tempo andato in malora.

I testi e le immagini, se non indicato diversamente, sono di esclusiva proprietà di Renzo Cremona. – © 1993-2022 renzocremona